Catasto comunale delle terre percorse dal fuoco

Argomenti

Descrizione

Ai sensi dell’art. 10, comma 2, della legge 21 novembre 2000, n. 353, si informa che con deliberazione della giunta comunale n. 32 del 18/03/2022 è stato istituito il “catasto delle aree percorse dal fuoco” (catasto incendi), presso l’ufficio tecnico comunale.

Il catasto è composto dai seguenti elementi:

  • Planimetria generale,
  • Relazione tecnica,
  • schede d’incendio,

Le zone boscate ed i pascoli i cui soprassuoli siano stati percorsi dal fuoco, così censiti, sono soggetti a divieti, prescrizioni e sanzioni relativamente all’attività venatoria, al pascolo, alle trasformazioni urbanistiche ed alla realizzazione di infrastrutture (art.10 comma 1 della L.353/ 2000); precisamente, tali vincoli sono distinti in:

  • Vincoli quindicennali

Si tratta di un vincolo di destinazione temporale che impone il mantenimento della destinazione d’uso preesistente all’incendio impedendone la modifica. In tali aree è consentita unicamente la realizzazione di opere pubbliche che si rendano necessarie per la salvaguardia della pubblica incolumità e dell’ambiente; risulta necessario inserire sulle aree predette un vincolo esplicito che deve essere espressamente richiamato in tutti gli atti di compravendita stipulati entro quindici anni dall’evento.

  • Vincoli decennali

In tali zone è vietata la realizzazione di edifici nonché di strutture e infrastrutture finalizzate ad insediamenti civili ed attività produttive, fatti salvi i casi in cui per detta realizzazione siano stati già rilasciati atti autorizzativi comunali in data precedente l’incendio sulla base degli strumenti urbanistici vigenti a tale data; in tali aree è fatto divieto di pascolo e di caccia per dieci anni, limitatamente ai soprassuoli delle aree boscate percorse dal fuoco.

  • Vincoli quinquennali

Sulle medesime aree percorse dal fuoco è altresì vietato lo svolgimento delle attività di rimboschimento e di ingegneria ambientale sostenute con risorse finanziarie pubbliche, salvo il caso di specifica autorizzazione concessa o dal Ministro dell’Ambiente, per le aree naturali protette statali, o dalla Regione competente, negli altri casi, o per documentate situazioni di dissesto idrogeologico o per particolari situazioni in cui sia urgente un intervento di tutela su particolari valori ambientali e paesaggistici.

Contatti

Ufficio Ambiente

Paolo Berto

Telefono: 0541/659826

Allegati

Ultimo aggiornamento

31 Maggio 2022, 16:05